Immagine Sito SiINfVet

Il supporto federale per cominciare a familiarizzare con le nuove disposizioni

Con il Decreto del Ministero della Salute del 28 giugno 2016 entra in vigore dal 2 settembre 2017 l’obbligo della compilazione esclusivamente in modalità informatica del “modello 4” (modello rosa).

L’espletamento “esclusivamente in modalità informatica” di tale documento consentirà alle autorità preposte di “bloccare” in tempo reale tutte le movimentazioni di animali suscettibili di determinate malattie. Quando questo sistema andrà a regime, permetterà di fermare immediatamente il diffondersi di varie patologie infettive e diffusive, fornendo uno strumento di prevenzione e controllo veramente efficace.

Tuttavia tale procedura presenta delle criticità che lo stesso Ministero ha riconosciuto con una propria nota (Nota Ministero della Salute - modello 4 informatizzato_04.08.2017).

La FISE ha definito delle “Linee guida” che intendono aiutare gli utenti in questo delicato e complesso passaggio informatico, che al momento sono al vaglio del Ministero, e che saranno pubblicate sul sito federale nella sezione dove è già presente tutta la normativa in vigore ed i manuali operativi inerente ai trasporti. vai alla pagina

Nel frattempo si consiglia di munirsi di copia della nota ministeriale link per poterla esibire nei previsti casi d’urgenza quando non sia stato possibile compilare il modello 4 in formato digitale. In tal caso ovviamente permarrà a maggior ragione l’obbligo di quello cartaceo come è stato finora.

Per approfondire

Nella nota, in particolare si dichiara:

1) "…le aziende site in zone di cui sia accertata la mancanza di copertura di rete (fissa/mobile), fino all'adeguamento tecnologico necessario, sono esentate dalla compilazione in modalità informatica del modello 4. A tal proposito si sollecitano le Regioni e Provincie autonome a predisporre, rendere pubblico e mantenere aggiornato l’elenco di dette zone. In mancanza di detto elenco sarà ritenuta valida un’apposita dichiarazione ai sensi del DPR 445/2000 (n.d.r. autocertificazione amministrativa) sottoscritta dal proprietario o detentore degli animali che sono movimentati…”

2) "…Il Centro Servizi Nazionale dell’Anagrafe zootecnica dell’IZSAM sta mettendo a punto un’apposita app, a breve utilizzabile tramite smartphone o tablet, che consentirà di compilare il modello 4 anche direttamente in allevamento e senza l’ausilio di un computer. Si sottolinea la necessità di dotarsi di Carta Nazionale dei Servizi per l’attivazione di tale app…”

3) "…Infine si invitano le Autorità in indirizzo impegnate in attività di controllo a voler tenere in considerazione, nel corso della fase di prima applicazione dell’obbligo, di tutte quelle situazioni di forza maggiore, di urgenza e/o emergenza, di rischio per il benessere e la sanità animale e la salute pubblica che potrebbero ostacolare o non consentire la compilazione informatizzata del modello 4”…

Stante l’entrata in vigore di tale obbligo il prossimo sabato 2 settembre, appare verosimile interpretare che lo stesso Ministero, consapevole delle difficoltà e delle situazioni di “forza maggiore” o di “urgenza” che “potrebbero ostacolare o non consentire la compilazione informatizzata del modello 4” chiede alle “Autorità in indirizzo” e quindi a tutte le Regioni di “tenere in considerazione” tali difficoltà, “nel corso della fase di prima applicazione dell’obbligo”.

La Federazione è comunque in stretto contatto con il Ministero,

sia per rappresentare le difficoltà presenti nel nostro settore, che probabilmente è quello per cui si registreranno il maggior numero di trasporti per animale e per persona,

sia per rappresentare le peculiarità di settore, fino ad ora ancora non accolte (come per es. i trasporti a fini escursionistici, di passeggiate o allenamento in zone di aperta campagna e non in strutture registrate con Codice Aziendale),

sia per cercare di ottenere una semplificazione delle procedure informatiche stesse,

sia per rappresentare eventuali disallineamenti con la Banca Dati degli Equidi e quindi con il fatto che i cavalli potrebbero in queste prime fasi risultare non presenti nel Sistema Informatico a cui si fa riferimento.

Nel frattempo si consiglia di verificare presso la ASL pertinente per territorio (rispetto alla struttura che ospita i propri cavalli) che tutti cavalli realmente presenti nella struttura siano presenti anche nella Banca Dati Nazionale, ovvero che il Sistema informatico del Ministero abbia in carico i cavalli effettivamente presenti nella struttura.

Contemporaneamente si consiglia di leggere il documento inerente alla Carta Nazionale dei Servizi ed il Modello IV disponibile in calce alla presente notizia, così da attivarsi per il possesso della stessa o per delegare chi potrà effettuare tale incombenza.

Condividi