AdamogiovanniG

Leggi la notizia.









Grande soddisfazione del Presidente Roberto Cardona e di tutta l'equitazione calabrese per la strepitosa vittoria del nostro Tecnico Cavaliere Giovanni Adamo il quale ha confermato per la terza volta la sua superiorità. Il Presidente incontrerà la stampa, il Campione Europeo Adamo e tutti gli altri atleti dell'equitazione americana che tanto lustro danno alla Calabria in occasione dell'ultima tappa dei Campionati Regionali di specialità.

Si riporta di seguito l'articolo:


Il Salone del Cavallo Americano, una tra le manifestazioni di equitazione americana più importanti del panorama italiano, ha decretato il nuovo European Champion Open di barrel racing.

Si chiama Giovanni Adamo, ha 48 anni, vive ad Arangea, in provincia di Reggio Calabria, è un istruttore Fise di 3° livello di barrel racing e di professione addestra cavalli e insegna l’equitazione americana presso il proprio Centro Ippico, il Futurity Ranch.

La sua grande passione per i cavalli è una tradizione di famiglia che oggi condivide con sua moglie e sua figlia di 12 anni, Francesca, anch’essa impegnata con successo nel circuito gare di barrel racing; nel 2010 ha infatti vinto il Campionato Italiano NBHA Junior 2010 e si è appena classificata seconda ai Campionati Europei di Reggio Emilia.

E proprio nella stessa arena dove Francesca ha vinto il titolo di Reserve Champion, suo padre Giovanni è riuscito, ancora una volta, a dominare la scena e a confermare che l’esperienza, mescolata a grinta e passione, è una carta sempre vincente da giocare.

“Pratico questo sport a livello agonistico da tanti anni, tra cavalieri ci si conosce tutti e con molti di loro, in tutta Italia, ho instaurato un rapporto di amicizia e di  rispetto reciproco che dura da tempo. Ogni tanto, data la mia età non più “verdissima”, qualcuno di loro mi prende in giro dicendo che ormai sono “stagionato”” ci racconta Giovanni, “ ma ho dimostrato che devono stare  ancora attenti a quel che combina il professore!”.

Giovanni Adamo scherza su quella che è stata la sua terza vittoria del titolo di European Open Champion di barrel racing, guadagnato grazie ad una performance strabiliante in sella allo stallone sauro Firewater Magic che ha sbaragliato i 240 cavalieri partecipanti al go di qualifica e infine i 118 finalisti.

Sono partito da casa con dei buoni cavalli e con l’intenzione di vincere con entrambi;”  continua Giovanni “con la femmina, Leaving On Request, non sono entrato in finale perché ho perso una staffa sul secondo barile e alla fine sono riuscito soltanto a classificarmi al settimo posto. Con lo stallone ho provato il tutto per tutto, avevo ottime speranze di vincere ma non pensavo di fare quel tempo”.

Chi temevi di più tra gli avversari?

“Gli avversari temibili sono tanti nel barrel di oggi; questa disciplina è cresciuta tanto, ci sono dei ragazzini agguerritissimi e tanti professionisti molto preparati.”

Quali sono i punti di forza e i punti deboli di  Firewater Magic?

“E’ uno stallone figlio di Fire Water Flit,” ci spiega Giovanni, “l’ho comprato negli Stati Uniti quando aveva 5 anni, non era ancora stato domato e quindi ci ho messo un po’, circa un anno,  per addestrarlo. E’ un cavallo con  una grande muscolatura quindi ha tanta ripresa e  ottime girate;  essendo pesante è tuttavia delicato sugli arti e di conseguenza  le sue  articolazioni sono a rischio.

I tuoi progetti futuri?

“Parteciperò al Campionato Italiano, al Futurity, al Maturity e infine al Top 15”.

Quali sono invece secondo te gli obiettivi da raggiungere per incentivare questa disciplina?

“E’ necessario incentivare i ragazzi il più possibile dandogli più spazio nelle gare ed evitare che gareggino a orari tardi. Con il nuovo Presidente NBHA, Carlo Riccardi,  credo che tutto questo sia fattibile, è una persona squisita e molto attento ai giovani. Abbiamo bisogno di persone che si dedicano allo sport e all’equitazione americana come Carlo e devo dire che in Calabria siamo fortunati ad avere un Presidente Fise come Roberto Cardona, sempre molto disponibile e attento ai nostri problemi.”


Gente & Cavalli
di Giorgia Marchesini



Condividi